Pages

11 marzo 2006

Scrivere, scrivere, scrivere!

Scrivere, scrivere, scrivere, fino all'ultimo filo di fiato!

Parafraso Alberto Sanna e un vecchio hit dei suoi "TNT"- i cagliaritani metallari sui trenta/trentacinque anni capiranno puntualmente... - per proclamare ufficialmente la malattia che gentilmente mi ammorba: scrivere (che è diverso dalla grafomania, almeno spero!).
In questi giorni di malattia (ah, che bellezza stare a casa! Seppure attaccati alla tazza del cesso, e poter fermarsi e riflettere... Libido otiosa) sono stato dal medico e durante l'attesa in anticamera ho beccato un Corriere Magazine dell'anno scorso con intervista a Salvatore Niffoi.
Illuminazione e pianto. Questo qui, all'alba dell'età pensionabile, dice di aver confessato alla moglie di soffrire per non aver portato a compimento una pulsione recondita: scrivere.
Manca poco che io pianga, davanti a due informatori scientifici e una gnocca in lista d'attesa. Niffoi in seguito è diventato un paradigma abusato da piccoli editori barbaricini per respingere manoscritti di conterranei capaci ma meno aderenti all'insperato corso editoriale (vergogna: avreste trovato un nuovo filone e un nuovo D'Orrico cui indirizzare le vostre preghiere).
Ma, lui sì, è un grande. Professore a Orani e scrittore in tarda età, per URGENZA.
Grazie Salvatore!

PS. L'illustrazione non c'entra un cass. È che dal post precedente mi portavo appresso il mito più recente: Brandy di Liberty Meadows! Cinzia comincia a guardarmi come un povero deficiente e, a parte che ha sufficientemente ragione, mi verrebbe da arrendermi all'evidenza: m'innamoro ancora delle eroine dei cartoon.
Allora Margot, oggi Brandy.

3 commenti:

Angelo Secci ha detto...

Ciao carissimo, anch'io sono convalescente dopo una bronchite di 5 giorni (di cui tre con febbre a 39° e mezzo). Ne approfitto per leggere cosa succede nei blog altrui.

Viva la Vita, viva l'Arte.

Un caro saluto a te e alla Cinzia :-)

Angelo

Bruno ha detto...

Oh, raga! quest'inverno, a differenza degli anni scorsi, mi accingo a trascorrerlo indenne da febbri, bronchiti e raffreddori (scrivo picchiando con il naso sui tasti, dato che ho entrambe le mani impegnate a incapsularmi le palle, in segno di scongiuro) e non vorrei che frequentando questi paraggi, l'incantesimo possa rompersi!
Curatevi!!!
:-)))

emo ha detto...

Scrivere, scrivere, scrivere!
E come darti torto? Umilmente ti invidio per tutta una serie di motivi, ma - almeno - mi consolo con l'unica cosa che abbiamo in comune: il senso dell'urgenza e della necessità.

salutoni e rimettiti!
emo