Pages

14 gennaio 2007

Toppi in metropolitana

Ok, mi unisco alla schiera di quelli che dicono che in Francia il fumetto è un'altra cosa. Voi provate a immaginare nella metropolitana di Milano o Roma (in una delle fermate "importanti" del centro) una parete interamente dedicata a un fumettista... Non ci riuscite? E' normale. Al massimo potrebbe capitare un manifesto, ma non una nicchia con vetrina e allestimento di questa levatura... Guardate che cosa ospita invece la stazione Pyramides della metropolitana di Parigi lungo le linee 7 e 14 del primo arrondissement della capitale. La scenografia è opera di Michel Jans e Christine Chaussy e omaggia Sergio Toppi, l'autore di Sharaz-De e di tanti altri capolavori a fumetti. Toppi è anche uno degli "invité officiel" al festival d'Angoulême 2007 e lo sarà anche alla 5 jours BD di Grenoble dall'8 al 12 marzo per la presentazione della monografia intitolata semplicemente Toppi, alla quale ho l'onore di contribuire.

11 commenti:

Capitan Ambù ha detto...

IL paese delle banane forever...al massimo qui si può trovare una fermata con la vetrina Calvin Klein...In Francia non è solo il fumetto un'altra cosa...ma nel resto del mondo è la cultura che ha un'altra rilevanza...A presto!!!!

smoky man ha detto...

acc... gasp...
Grande Toppi, sempre e cmq!!!

sm

Mirko ha detto...

... tristezza abitare in Italia....

mirko

Bruno ha detto...

Va là, che prima o poi anche tu e perché no, anch'io, potremo avere un'intera stazione del metrò dedicata alle nostre opere (???).
Se non in Francia, almeno in qualche paese francofono, tipo il Ciad, ad esempio.
Anche se credo che prima debbano costruirla, una metropolitana nel Ciad!

fenicio ha detto...

tui kistionasae fais dannu si vede che tu i miei post non lileggi
tanto di annuncio sul mio post ultimo con tanto di motivazioni etiche e storiche

iskida leggi e poi dimmi sul vecchio

Davide Barzi! ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Davide ha detto...

Pardon, sono io l'eliminatore di cui sopra... ma ci riprovo: non riesco a dire "Vive la France" per limiti strutturali, però in effetti va detto che in questi casi bisogna ammettere che... EMBE', IL LAMBRUSCO E' PIù BUONO DELLO CHAMPAGNE, VA BENE?

fenicio ha detto...

non ho capito cosa dovrei fare per continuare la catena lussurgesa

Fabrizio ha detto...

Per fenicio:
allora, scegli 5 segreti inconfessabili su di te (come ho fatto io, del resto) e li riveli al mondo sul tuo blog. Poi nomini altri 5 amici bloggerz in modo da lanciare la palla anche a loro. 'scumprè?
Ah, e non buttarti come al solito sulle tue solite preferenze sessuali. Rivela qualcosa di più intrigante, tipo come facevi a votare Psd'az... az!

affafa ha detto...

cercavo qualcosa su ANGOULÊME 2007 e sono arrivata qua,,, ho letto l'articolo ... e le mentalità di una nazione nn si cambiano dall'oggi al domani... dal mio piccolo punto di vista direi che c'è più attenzione a questo mondo rispetto a prima. Qui in Sardegna di recente ci sono stati due appuntamenti all'interno della stessa settimana:
una mostra di Roberto Innocenti e
una a Igort (lui se ne è andato in Francia a lavorare.
Per l'inagurazione della mostra di Igort è arrivata parecchia gente, cosa che da quanto ho sentito non è usale per questo genere di esposizione

Fabrizio ha detto...

Ciao Affafa,
e tutto sommato in Sardegna per il fumetto e l'illustrazione c'è un certo riguardo (anche se ti capiterà sempre chi ti dice "Fai il fumettista/illustratore? Ah... e di lavoro, che cosa fai?").
Qualche anno fa organizzai delle mostre a Cagliari e anche lì (almeno per quella su Toppi e quella su Battaglia) all'inaugurazione venne tanta gente. Peccato per la mostra su Igort, ero a Cagliari sino a poche settimane fa e mi sarebbe piaciuto visitarla.