Pages

25 agosto 2006

La lunga vita di chi non resta in superficie

Rubo dal blog di Smoky Man questa foto dell'incontro con Silvio Camboni, Bruno Enna e Michele Medda a Santu Lussurgiu. Ottima l'affluenza di fumettisti provenienti da tutta la Sardegna. Abbiamo parlato di identità (il tema principale degli incontri della rassegna "L'isola raccontata"), di editoria a fumetti italiana e francese, di come nascono le storie e i loro protagonisti, delle letture extrafumettistiche dei fumettisti e di altro ancora.

La manifestazione Isola del Teatro è un piccolo gioiello creato dal Teatro del Sale. Ha aperto quest'anno le porte al fumetto (dopo teatro, danza, mimo, musica, cinema) e, finanziamenti permettendo, con la prossima edizione vorrebbe ampliare lo spazio dedicato a questo medium. C'è da augurarsi che la professionalità e l'abnegazione con le quali i ragazzi dell'organizzazione hanno sopperito al mancato sostegno da parte delle istituzioni locali (la Regione ha tagliato i finanziamenti del 50%) venga premiata nel 2007.
Personalmente sono stati due giorni intensi, in cui ho partecipato solo in minima parte alla frenesia che comporta organizzare una rassegna di un mese in un paese nel centro della Sardegna. Encomiabili e folli. Complimenti ammirati. Ho avuto la possibilità di pagare pubblicamente il mio tributo a Rabindranath Tagore, senza le cui poesie anni fa mi sarei forse perduto nei meandri di quella brutta e suadente bestia che è la depressione.
Ho avuto l'opportunità di conoscere il "mammifero danzante" Giorgio Rossi della compagnia Sosta Palmizi e scoprire che era un grande amico di Andrea Pazienza e che uno dei suoi disegni più noti lo ritrae in una fiera camminata sotto un cielo che inquieta.
Poi ho avuto la fortuna di conoscere Antonello, poeta e danzatore innamorato di Hugo Ball, Raoul Hausmann, Kurt Schwitters. Una di quelle persone che ti fanno pensare che troppo spesso mettiamo da parte le cose migliori della vita per galleggiare, ignari, in superficie.
Lunga vita all'Isola del Teatro, al fumetto, all'arte.

14 commenti:

Fabiano ha detto...

Sono felice che si parli di fumetti in Sardegna. Io non credo come alcuni che il fumetto sia in declino penso invece che è un linguaggio artistico non ancora utilizzato a pieno in tutte le sue numerose sfumature. Mi sarebbe piaciuto essere lì a seguire l'evento, magari potrò venire la prossima volta.
La regione dovrebbe investire di più su questi eventi che oltre stimolare culturalmente il territorio danno la possibilità ai sardi che si sono trasferiti fuori isola di condividere le esperienze acquisite e a chi vive ancora nella nostra splendida terra di aproffittare di nuovi stimoli da questi incontri.
Quindi Regione datti da fare perchè
vogliamo essere isolani e non isolati.
Ciao Fabiano.
PS Grazie Fabrizio per aver inserito
il mio sito nel blog. A presto per l'aperitivo!

Bruno ha detto...

@fabiano> Condivido pienamente il tuo punto di vista, ma posso dirti che il problema non è solo economico. Spesso negli anni passati le istituzioni sarde hanno dato troppo credito a personaggi (plurale mai estatis) che si sono arrogati il ruolo di referenti (ri-plurale mai estatis) per il cosiddetto movimento del "fumetto sardo", mettendo in atto atteggiamenti ed azioni che tutto hanno fatto, tranne che produrre quella coesione che, come hanno dimostrato alcune felici parentesi come quella di Santulussurgiu, in fondo non è poi così difficile da ottenere.
Basterebbe dare uno sguardo ai vari articoli del maggior quotidiano sardo e le varie pubblicazioni edite negli ultimi anni, per rendersi conto della superficialità e dello scarso spessore della critica in materia.

Così ho parlato, augh!
:-)))

Antonio ha detto...

Augh!

E grazie a Fabrizio per la bella esperienza di Santulussurgiu...

Bruno ha detto...

@Antonio> Ciao Antonio, ti riconosco più dalla fotina del blog, che di persona! Eh, eh, eh...
Come va? Tornato in Toscana?

Antonio ha detto...

Ciao Bruno,

si, la depressione già incalza...
Ma l'idea che Lucca è vicina mi fa andare avanti... Pizza e birra anche lì?

P.S.: la bambola del mio avatar l'ha fatta la mia bravissima moglie...

smoky man ha detto...

Ci si becca a Lucca...libro W permettendo...

Fab, ti guardo solo negli occhi sai bene che cosa sto per chiederti!!!

PLIIIIIIIIIIIIIIIZ!!!

smoky

Fabrizio ha detto...

Ciao a tutti!
Scusate la latitanza, sono nel rush finale di due lavori in consegna contemporanea tra oggi e domani!!!
Grazie a voi per i msg:
- Fabiano: ci si becca in quella solare città!
- Bru': ho letto i commenti sul tuo blo: wow!
- Antonio: grazie a te! La bambola è fantastica, compplimenti a Suvi :-)
- Smoky: lo so, quando mi guardi così hai sempre una e una sola cosa in testa, maniaco!

fenicio ha detto...

pitticcu su culu ki si seus fattus

purtroppo non ho potuto seguire come avrei voluto il tutto augutri per tutto

Gianluca Costantini ha detto...

Ciao Fabrizio,
grazie per il link appena arrivao faccio altrettanto!!!

Bruno ha detto...

@Antonio> Complimenti a tua moglie per il pupazzo! Sarò lieto di brindare davanti ad una precipua pizza, magari al mitico "Le Salette", chissà! ;-))

Antonio ha detto...

Oh yeah! pizza for ever...

Fabrizio ha detto...

Per fenicio: l'ho visto, e vi ammiro molto. Un abbraccio, io sto ripartendo per Milano...

Per Gianluca: grazie e complimenti sinceri per quello che fai!

Per Bruno e Antonio: sottoscrivo, pizza for eva (and eva)!

Anonimo ha detto...

Ciao Brisiolin
esco con le ossa rotte da tutto!
ma sono felice che si sia tracciato un piccolo solco (con la matita)per l'anno prossimo... speriamo...

"non ho potuto ringraziarti come volevo ne ringraziare tutti voi fumettari venuti nel montiferru a parlare di fumetto e arte e mangiare la pizza che io non ho potuto esserci con il mio amico a mngiare che ciavevo fame perché come dice quell'altro gaggio rosso di testa e di spirito stavamo uscendo di testa ed era tutto un casino e poi non funzionava bene il microfono e giorgio rossi doveva provare e ci facevo i segni di tagliare la testa e ....booommm!!!"

son sciuppà

avrei voluto parlare con te stando più in pace

alla prossima...

bacioni

Fabrizio ha detto...

Alla prossima! Un abbraccio anche ad Aurora e Nicola!

PS. a quando una rassegna su Bud Spencer e Terence Hill con Goffredo Fofi ed Enrico Ghezzi a dissertare sul fondamentale influsso dei loro film nelle nostre vite?